Quell’emblematico carteggio tra Ignazio Silone e Giovanni Buscemi

Il Messaggero Abruzzo 24 agosto 2019

di Antonio Gasbarrini

Spulciando tra i copiosi documenti biografici editi ed inediti d’Ignazio Silone, ci siamo imbattuti in una quindicina di lettere da lui scritte dalla metà degli Anni Trenta agli inizi dei Sessanta a Giovanni Buscemi, mentre era ancora confinato nell’esilio svizzero prima, e da Roma poi. Di esse, quattro sono state già pubblicate dallo stesso Buscemi nel libro autobiografico “Amarostico. Testimonianze euro-americane” sotto il nuovo nome Vanni B. Montana. Uscito nel dicembre del 1975 e perciò mentre l’amato scrittore abruzzese era ancora in vita. Le altre, di cui citeremo alcuni telegrafici passi, sono inedite.

Leggi tutto “Quell’emblematico carteggio tra Ignazio Silone e Giovanni Buscemi”

Il Vate “rivoluzionario” e Silone “spia”: i paradossi degli storici revisionisti

Il Messagero Abruzzo 14 luglio 2019

di Antonio Gasbarrini

Il disegno di legge con cui la Regione Abruzzo ha stanziato 150.000 euro per il “Centenario” della tragica quanto farsesca impresa fiumana del Vate, ci impone alcune pacate riflessioni sull’auspicio di un taglio a-celebrativo da dare ad una tale iniziativa. Peraltro, analoga a quella curata da Giordano Bruno Guerri, Presidente e direttore della Fondazione Il Vittoriale a Gardone Riviera, con la tenuta a Trieste di un apposito Convegno e la mostra “Disobbedisco” di vari cimeli dannunziani.

Leggi tutto “Il Vate “rivoluzionario” e Silone “spia”: i paradossi degli storici revisionisti”

Quel simbolico camino nella casa fontamarese d’Ignazio Silone

Il Messagero Abruzzo 30 maggio 2019

di Antonio Gasbarrini

Il Primo Maggio del duemila, nel centenario della nascita di uno dei massimi scrittori e pensatori del Novecento europeo – Ignazio Silone – veniva formalizzata giuridicamente la donazione tra la vedova Darina e il Comune di Pescina dei Marsi, del lascito testamentario del suo archivio personale.

Leggi tutto “Quel simbolico camino nella casa fontamarese d’Ignazio Silone”

Silone e l’imperdonabile scambio di persona degli storici con la vera spia fascista

Il Messaggero Abruzzo online (16 novembre 2018)

https://www.ilmessaggero.it/abruzzo/silone_spia_fascista_scambio_di_persona-4112105.html

di Antonio Gasbarrini

Nella monologante conferenza “Il mio Silone” tenuta recentemente in terra marsicana dallo storico defeliciano Mauro Canali, la spy-story del Silone delatore dei fascisti da lui ammannita in questi ultimi venti anni – insieme al collega Dario Biocca autore, tra l’altro, di una deragliante biografia sullo scrittore abruzzese – è stata ribadita con compiaciuta sicumera.

Leggi tutto “Silone e l’imperdonabile scambio di persona degli storici con la vera spia fascista”

Premio Internazionale Ignazio Silone: ben “onorato” il quarantennale

Il Messaggero Abruzzo (11 settembre 2018) 

di Antonio Gasbarrini

Ha  portato decisamente bene la nuova legge regionale su il Premio Internazionale Ignazio Silone. Il suo esordio coincidente con la XXI edizione dedicata al quarantennale della scomparsa dello scrittore, saggista e giornalista abruzzese, non poteva essere onorato meglio con le sue tredici giornate interdisciplinari. Per di più, in piena sintonia con lo spirito fondante della stessa: “teso a valorizzare e diffondere gli insegnamenti di libertà’, verità e giustizia dell’insigne pensatore abruzzese”.

Leggi tutto “Premio Internazionale Ignazio Silone: ben “onorato” il quarantennale”

Su quel murales l’intero romanzo di Fontamara

Il Messaggero Abruzzo (18 agosto 2018)

di Antonio Gasbarrini

Ignazio Silone, nella sua gioventù, aveva disprezzato i futuristi e tollerato i surrealisti. Nei dieci anni trascorsi dal 1934 al 1944 a Zurigo nella casa del mecenate Fleischman in qualità di esiliato, aveva familiarizzato con più di un capolavoro dei vari Van Gogh, Matisse, Picasso, Braque ed altri artisti ancora. Su tutti, amava Rouault. Non sarà stato un caso, allora, se la prima edizione di “Fontamara” in lingua tedesca del 1933, sia stata illustrata dall’artista espressionista Clément Moreau.

Leggi tutto “Su quel murales l’intero romanzo di Fontamara”

Il segreto siloniano di Fontamara nel nuovo libro di Giulio Napoleone

Il Messaggero Abruzzo (19 Giugno 2018)

di Antonio Gasbarrini

“Silone, uomo ‘contro’ e voce degli oppressi” è il titolo del denso articolo, a firma di Carlo Nordio, pubblicato recentemente in pagina nazionale del nostro giornale. Centrale, nella sua ricostruzione storico-biografica, è questa citazione del magistero etico siloniano sulla Libertà: “La libertà – scrisse – è la possibilità di dubitare, la possibilità di cercare, di sperimentare, di dire di no a qualsiasi autorità letteraria, artistica, filosofica, religiosa, sociale e anche politica”: Ed i suoi reiterati NO, come ben sappiamo, gli costarono molto cari.

Leggi tutto “Il segreto siloniano di Fontamara nel nuovo libro di Giulio Napoleone”

Ignazio Silone, nato il Primo maggio

Il Messaggero Abruzzo (1 maggio 2018)

di Antonio Gasbarrini

Come onorare al meglio il 118 compleanno virtuale di Secondino Tranquilli alias Ignazio Silone nato a Pescina dei Marsi il I maggio del 1900? Tra i tanti, ramificati ed intricati sentieri del suo vissuto come rivoluzionario comunista prima (anni Venti), antifascista e socialista in esilio in Svizzera (1929-1944) e scrittore a tempo pieno dopo il clamoroso successo di Fontamara (1933)? Abbiamo scelto quello meno accidentato, ma non per questo non altrettanto valido dal punto di vista storiografico. La pubblicazione di una lettera anonima mentre era spiato dall’allora PCI (siamo agli inizi degli anni Cinquanta) e di un suo testo indirizzato ai giovani (pubblicata su “La Fiera Letteraria” alla metà degli anni Sessanta).

Leggi tutto “Ignazio Silone, nato il Primo maggio”